Rottamazione dei ruoli. Il mancato perfezionamento dei pagamenti

: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/gestimp/public_html/includes/unicode.inc on line 311.

Le conseguenze
negative legate al mancato, insufficiente o tardivo pagamento dell'unica rata o
di una delle prime due rate di cui alla definizione agevolata dei ruoli (D.L.
193/2016), sono state sterilizzate per effetto del Decreto fiscale D.L.
148/2017 già pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Andiamo ad analizzare nel
concreto quelle che sono le conseguenze per il mancato, insufficiente o tardivo
pagamento delle prime due rate ricordando le diverse combinazioni di scadenze e
durata di dilazione che potevano essere scelte dal contribuente con la semplice
apposizione di uno specifico codice nel modello DA1.

 

 

La scelta invece
della dilazione massima, ossia in 5 rate prevedeva le seguenti scadenze:

  •  1° rata a luglio 2017 (24% del dovuto);
  • 2° rata a
    settembre 2017 (23% del dovuto);
  •  3° rata a novembre 2017 (23% del dovuto);
  • 4° rata ad
    aprile 2018 (15% del dovuto);
  •  5° rata a settembre 2018 (15% del
    dovuto).

Le conseguenze negative legate al
mancato, insufficiente o tardivo pagamento dell'unica rata o di una delle prime
due rate di cui alla definizione agevolata dei ruoli (D.L. 193/2016), sono
state rese meno gravose per effetto del D.L. 148/2017 (Decreto Fiscale
collegato alla Manovra 2018). Il Decreto citato ha sterilizzato gli effetti del
mancato perfezionamento della definizione agevolata, prorogando la scadenza
delle rate di luglio e settembre 2017 al 30 novembre 2017.

In sostanza il mancato pagamento di una delle
due rate o entrambe, non determina la decadenza della definizione agevolata se
il contribuente provvede a pagare le rate citate entro il prossimo 30
novembre 2017.
Il termine del 30
novembre coincide altresì con il termine ultimo per il pagamento della 3° rata
del piano di definizione agevolata; qualora il contribuente abbia optato per un
pagamento dilazionato in tre o più rate alla scadenza del 30 novembre, dovrà
versare:

  • la rata
    originariamente con scadenza 31 luglio 2017;
  • quella con
    scadenza 30 settembre 2017,
  • nonché
    quella la cui scadenza è prevista al 30 novembre dello stesso anno.

Il D.L. 193/2016 prevede specifiche disposizioni in
materia di definizione agevolata e inadempimento delle somme dovute

In termini pratici coloro, che non fanno fronte all'unica rata prevista o
a una delle rate scelte per la definizione, oltre a non poter essere riammessi
alla definizione agevolata pagando le rate scadute, non possono per gli stessi
carichi accedere a nuovi piani di rateazione, salvo che sono trascorsi meno di
60 gg dalla notifica della cartella fino alla presentazione del modello DA1;
eccezione solo con riferimento al mancato pagamento dell'unica rata o della
prima rata del piano di dilazione, è rappresentata per coloro che al momento
della presentazione del modello DA1 avevano, per gli stessi carichi per i quali
si chiedeva di essere ammessi alla definizione agevolata, già un piano di
dilazione in essere; in tal caso il debitore tuttavia, poteva riprendere i
versamenti relativi alla precedente dilazione in quanto non oggetto di
revoca automatica
.

Per coloro che invece non sono stati ammessi già a monte alla procedura
perché ad esempio i carichi per i quali era stata presentata istanza di
definizione agevolata non rientravano oggettivamente, e non in
riferimento al periodo temporale, tra quelli ammissibili (ad esempio per
sanzioni diverse da quelle tributarie o contributive) e di conseguenza la
richiesta di ammissione è stata espressamente rifiutata:

 

  1. in assenza
    di piani di dilazione, è possibile presentare una richiesta di
    rateizzazione ordinaria o straordinaria
    ;
  2. in presenza
    di piani di dilazione decaduti, è possibile essere riammessi al
    beneficio della rateizzazione dopo aver saldato tutte le rate scadute
    ;
  3. in presenza
    di piani di dilazione non decaduti, è possibile proseguire con la
    precedente rateizzazione
    .